Posts by S&B Press Office

Il coronavirus continua a vivere nell’aria

Agosto 28th, 2020 Posted by S&B Voice No Comment yet

Recenti studi condotti dall’Università della Florida hanno dimostrato che l’agente patogeno del coronavirus continua a vivere nell’aria, a causa dell’effetto aerosol. Di cosa si tratta?  Si tratta di goccioline molto piccole, generate mentre si parla, anche sottovoce, o si respira e che fluttuano nell’aria prima di evaporare. La trasmissione del contagio potrebbe quindi avvenire non solo con tosse o starnuti, bensì anche per il semplice fatto di respirare in ambienti in cui siano presenti portatori di coronavirus. La ricerca è stata condotta dal team della dottoressa Lindsay Marr, che ha isolato il virus patogeno in una camera di ospedale, in cui malati di Covid-19 erano tenuti ad una distanza tra i due ed i quattro metri l’uno dall’altro, quindi superiore a quella di un metro consigliata per evitare il contagio. Il virus campionato nell’aria si è dimostrato capace di trasmettere comunque i suoi agenti patogeni, ma resta da investigare se questi siano effettivamente in grado di sviluppare la patologia nel corpo umano. Lo studio ha però dimostrato inequivocabilmente che, malgrado si proceda a numerosi ricambi d’aria nei locali in cui siano presenti portatori di Covid-19, il virus continua a vivere. (Fonte ‘Il Corriere della Sera’ 18 agosto 2020 rev. 26 agosto h. 17.17)

Prendere precauzioni è quindi essenziale, mentre si attendono i risultati definitivi sulla carica patogena dell’effetto aerosol. In particolare, è indispensabile porre cura in quei luoghi in cui la promiscuità è inevitabile, quali per esempio strutture ricettive o ristorative (hotel, agriturismi, ristoranti, ecc.)

A questo proposito, Sonders Hotels ha creato il protocollo “Ospitalità Sicura” in fase di validazione da ente certificatore internazionale, che prevede l’utilizzo di prodotti di sanificazione Lanxess, in grado di disgregare le macroparticelle di aria contaminate. Nello specifico, l’utilizzo dell’aerosol Felmar 130, utilizzato con prodotto Rely+On Virkon (della Lanxess), genera in sospensione micromicelle che attraggono le macroparticelle delle goccioline presenti nell’aria e sulle superfici, le catturano e le disgregano. Questa azione di aerosolizzazione del Felmar 130 permette di sanificare a 360°, in pochi minuti e con ottimizzazione dei costi camera.

La pressante richiesta di sicurezza a cui sono sottoposti oggi alberghi e ristoranti è qui per restare non come optional, bensì come fattore inelubile dell’ospitalità di qualità. È certo che la sanificazione genererà extra costi nella gestione aziendale: per questo motivo è necessario agire per ottimizzarne l’impatto. Il protocollo “Ospitalità Sicura” di Sonders Hotels svolgere questa funzione: la migliore sanificazione oggi possibile per i nostri partners e clienti alle migliori condizioni economiche possibili.

Sanificazione in hotel: quando il prodotto scelto fa la differenza…e fa risparmiare

Agosto 18th, 2020 Posted by S&B Voice No Comment yet

Non sappiamo, come si evolverà il mercato turistico dopo l’emergenza COVID 19: è certo che l’ospite porrà un’attenzione particolare al livello di igiene e di sanificazione che le strutture ricettive e ristorative metteranno in atto per il contenimento del rischio contagio.

Sonders Hotels, azienda italiana di facility management per l’housekeeping alberghiero, guarda avanti ed intuisce che il COVID 19 rappresenta uno stacco netto tra un ‘prima’ ed un ‘dopo’, nella concezione di salubrità percepita e di attenzione al benessere personale. Se l’ospite cambia, l’imprenditore non può che adeguarsi, adottando gli strumenti e le procedure di sanificazione che, nel fornire il risultato atteso di migliore igienizzazione possibile, possano rientrare nella routine giornaliera senza generare costi eccessivi.

La creazione del protocollo ‘Ospitalità Sicura’ di Sonders Hotels va proprio in quella direzione, a partire dalla scelta del prodotto di sanificazione, il RELY+ON VIRKON. Prodotto dall’azienda tedesca LANXESS e distribuito in Italia da MEDICALINE srl, il RELY+ON VIRKON ha superato brillantemente i test di laboratorio per il contrasto al COVID 19:

‘Le analisi condotte dal laboratorio indipendente statunitense Microbac Laboratories, Inc. (in conformità con i metodi di test dell’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti – EPA), hanno dimostrato che il Rely+On Virkon inattiva rapidamente e completamente il virus SARS-CoV-2 con un rapporto di diluizione 1:100 in 60 secondi

La reputazione del prodotto RELY+ON VIRKON era già molto solida anche in passato, essendo presidio medico chirurgico utilizzato in numerosi reparti ospedalieri e non solo. La sua efficacia è testimoniata anche dalle aziende di produzione agroalimentare che lo utilizzano in totale sicurezza per le sanificazioni di apparecchiature, celle frigorifere, locali di lavoro.

Non a caso, un’azienda come la Dorelan, azienda italiana leader nel panorama degli arredi da letto per hotel, ha optato per RELY+ON VIRKON come prodotto consigliato nelle sanificazioni di tutti gli effetti letterecci.

Noi di Sonders Hotels ci siamo messi nei panni dell’albergatore e ristoratore per verificare l’efficacia del prodotto, utilizzabile anche in cucina e sugli alimenti, a fronte del costo sostenuto. I risultati sono stati sorprendenti:

  • L’utilizzo del RELY+ON VIRKON sostituisce tutti i prodotti di igienizzazione presenti in azienda (tranne gli sgrassatori) e funge anche da anticalcare;
  • La sua erogazione è atossica ed inodore. Sia essa svolta con uno ‘spruzzino’ sulle superfici o per aerosolizzazione a secco, permette l’immediato ingresso nel locale sanificato, senza tempi di attesa;
  • Elimina tutti i cattivi odori, lasciando una gradevole sensazione di aria pulita;
  • È ideale per le operazioni di housekeeping giornaliero, sia su camere che locali comuni, cucine, ristoranti, spa, aree giochi, terme…: con un’unica operazione, è possibile pulire e sanificare.
  • La sanificazione per aerosolizzazione a secco offre il vantaggio di non originare droplets e quindi non lascia tracce su tessuti, tappeti: ottima soluzione per sanificare anche materassi, cuscini, moquette, tendaggi e tutti gli arredi, grazie all’utilizzo di un pratico aerosolizzatore, facile da spostare da locale a locale ed i cui tempi di lavoro sono in minuti, in base alle cubature da sanificare.
  • I tempi per le procedure di housekeeping sono ottimizzati, in quanto la sanificazione per saturazione a secco permette che il personale possa svolgere altre mansioni, mentre il FELMAR sanifica i locali e permette di rientrare in questi dopo pochi minuti senza timori.

Risparmio nell’acquisto di un unico prodotto per tutti gli utilizzi, accelerazione delle procedure di pulizia e di sanificazione, fornitori fidati e responsabili rappresentano un importante valore aggiunto garantito dal protocollo ‘Ospitalità Sicura’ di  Sonders Hotels, che offre anche consulenza per la  comunicazione agli ospiti sulle buone pratiche intraprese.

L’ago della bilancia nella ripresa alberghiera nel post-COVID 19: la sanificazione che crea reddito

Giugno 15th, 2020 Posted by S&B Voice No Comment yet

Il comparto alberghiero del 2019 ha generato numeri importanti: 2.3 milioni di posti letto per 1 milione di camere, 179 mila dipendenti e 211 mila addetti; 50 milioni di arrivi domestici e 47 milioni di arrivi esteri. Numeri importanti, che incidono sul PIL nazionale per il 15% del totale.

Tuttavia, sebbene gli aeroporti stiano riaprendo, la ricettività inizi a ‘ricevere’ e la ristorazione a ‘ristorare’, cosa cambia nella percezione del viaggiatore/consumatore? Senza dubbio al primo posto l’attenzione e la cura per l’igiene e la sanificazione.

Il recente sondaggio commissionato da Confindustria Alberghi ha sottolineato che la ripresa del viaggio passerà proprio da qui: il 63,4% dei viaggiatori si sposteranno per lavoro ed il 51,2% per vacanza. Ci si aspetta che più del 90% di questi si informerà prima di muoversi sulle pratiche di sanificazione adottate dalle strutture ricettive. La sanificazione è talmente importante che si sarà disposti a spendere in media l’8% in più per soggiornare in un hotel che non solo ispira fiducia ma che certifica, possibilmente a livello internazionale, le pratiche adottate ed i risultati ottenuti.

Quando Sonders Hotels, all’inizio del lockdown, iniziò la propria indagine sulle nuove dinamiche che avrebbero caratterizzato il post COVID-19, intervenendo anche su stakeholders internazionali e raccogliendo informazioni e sensazioni dal mondo intero, si dimostrò molto lungimirante, in quanto riuscì a centrare in pieno le aspettative dell’ospite post-COVID 19: sanificazione certificata, svolta con prodotti di alta qualità con personale formato sulle nuove esigenze e con tempistiche appropriate. Il protocollo ‘Re-Start’ di Sonders Hotels è proprio questo: in corso di validazione da parte di ente internazionale di certificazione, RINA, è un corposo documento che risponde alle criticità di ogni reparto alberghiero, che risolve le urgenze post Covid e guarda al futuro: dal ricevimento, alla ristorazione, alle camere, piscine, centri benessere, spiagge…. ‘Il protocollo Sonders Hotels è certamente il più completo che abbia avuto modo di conoscere’ afferma Alessandro Cecchi Paone, in qualità di viaggiatore esperto e docente universitario di scienze del turismo.

Ecco la nuova leva di mercato, che è destinata a perdurare ed a rafforzarsi nel tempo. Adottare quindi uno strumento che permetta di consolidare la fiducia del viaggiatore, comunicare le buone pratiche e migliorare la redditività diventa un’esigenza ineludibile. Chi potrebbe oggi pensare di entrare in un hotel del quale non sia possibile verificare l’impegno nella salvaguardia della salute? È inevitabile pensare che la nuova domanda di igiene generi costi per l’azienda alberghiera. Tuttavia, questi sono ripagati ampiamente dal rinnovato posizionamento di mercato. Il protocollo Sonders Hotels, nella sua semplicità di consultazione, nella esaustività delle casistiche presentate, nella segnalazione di comportamenti corretti sia per i capiservizio che per gli addetti ai reparti, così come per gli ospiti fa davvero chiarezza sulla moltitudine di norme, alleviando il lavoro della ripresa, già molto impegnativo. È così che ci si prepara al 2022, l’anno che si pensa sarà quello del ritorno ai valori del 2019, ma in forma più attenta alla tutela della persona. Non semplicemente mettendo a regime le pratiche che gli hotel virtuosi hanno sempre applicato, bensì implementandole per abbracciare il mercato. Sonders Hotels è al fianco degli operatori, mettendo a disposizione esperienza e capacità di ascolto di ogni esigenza specifica per declinare il protocollo, un Covid Manager e la disponibilità di servizi outsourcing.

 

Coronavirus e turismo: le misure di pulizia delle grandi catene alberghiere

Maggio 26th, 2020 Posted by S&B Voice No Comment yet

Il turismo, uno dei settori più colpiti dalla pandemia da coronavirus, si sta preparando alla ripartenza in un mondo ormai nuovo. Ora come ora è ancora troppo difficile immaginare come sarà tornare a viaggiare ma ciò che è certo è che il turista vorrà vedere attuate e certificate misure volte a evirare la diffusione dell’infezione da Sars-CoV-2.

Adam Blake, professore di economia e capo della ricerca presso il Dipartimento del Turismo e ospitalità presso la Bournemouth University nel Regno Unito, ha affermato: “Le persone non sono cambiate, vogliono ancora visitare posti ma saranno necessariamente più prudenti su quello che faranno. E avranno bisogno non solo di convincersi che è sicuro viaggiare ma avranno bisogno di vedere veri cambiamenti fisici adottati per rendere il viaggio più sicuro”.

Così, catene alberghiere di tutto il mondo stanno diffondendo nuovi programmi di pulizia in modo da rassicurare l’ospite. Ecco alcuni esempi:

Marriot

Secondo la catena Marriot: “La tecnologia di spruzzatura elettrostatica utilizza la classificazione più elevata di disinfettanti per trattare agenti patogeni noti raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dai Centers for Disease Control and Prevention”. In particolare, prevede l’utilizzo di spruzzatori elettrostatici con disinfettante ospedaliero per la sanificazione delle superfici dell’hotel, la fornitura per uso personale di salviettine disinfettanti in ogni camera, l’introduzione di una segnaletica al fine di mantenere le distanze nella hall e, in tal senso, la rimozione del mobilio per aumentare lo spazio. Infine, sta testando la tecnologia UV per la sanificazione delle chiavi e dei dispositivi condivisi dagli associati, sta valutando l’inserimento di divisori al front desk e sta lavorando per rendere sempre disponibili mascherine e guanti ai dipendenti.

Hilton

La catena Hilton ha aumentato la pulizia delle aree pubbliche, inclusi gli ascensori, le maniglie delle porte e i bagni pubblici. Utilizza disinfettanti per uso ospedaliero, ha introdotto la distribuzione di disinfettanti antibatterici per le mani e continua a regolare il servizio ristorazioni in base alle normative vigenti sulla sicurezza alimentare.

Accor

Accor ha dichiarato a “Business Insider”: “Stiamo monitorando attentamente l’evolversi della pandemia da COVID-19 e abbiamo incaricato i nostri hotel di attuare misure per ridurre al minimo il rischio di trasmissione. Gli hotel e le sedi centrali seguono le linee guida ufficiali e monitorano da vicino i consigli delle autorità mediche e governative per limitare la diffusione di questo virus”.

Hyatt

La catena Hyatt dispone, a livello globale, di linee guida complete che descrivono nel dettaglio come proteggersi dalla trasmissione del coronavirus e le procedure in caso di sospetto e ipotetica conferma di un caso tra gli ospiti o i dipendenti. Fra queste è compresa l’installazione di disinfettanti per le mani e la pulizia frequente delle zone ad “alto tocco. Team multidisciplinari e gruppi di intervento su scala mondiale forniscono assistenza agli hotel Hyatt e li aiutano, se necessario, ad affrontare situazioni specifiche.

Gruppo Radisson Hotel

Il Gruppo Radisson Hotel ha introdotto il “Radisson Hotels Safety Protocol”, un protocollo realizzato in collaborazione di SGS, comprendente procedure di pulizia e disinfezione dettagliate.

Le procedure includono l’inserimento di stazioni di sanificazione per le mani all’entrata, l’utilizzo di dispositivi di protezione individuali, schermi protettivi, il distanziamento sociale in tutte le aree degli hotel, il miglioramento e il potenziamento della pulizia e della disinfezione e formazione in materia di igiene e prevenzione per i membri del team.

Il Gruppo Radisson Hotel introdurrà un’etichetta di omologazione di pulizia e disinfezione rilasciata da SGS per garantire i più alti standard di pulizia, igiene e sicurezza attraverso un processo di validazione centralizzato. I singoli hotel potranno ricevere un’etichetta di omologazione al termine di un audit locale completo.

Shangri-La

La catena di lusso Shangri-La ha adottato diverse misure volte a prevenire la diffusione del coronavirus, tra cui una maggiore disinfezione delle camere e delle aree comuni e il miglioramento delle procedure di approvvigionamento e manipolazione degli alimenti. A tutti i dipendenti e ospiti verrà provata la temperatura e a quest’ultimi verrà richiesto di compilare al momento del check-in una dichiarazione sullo stato di salute e di viaggio.

Il gruppo, inoltre, collaborerà a stretto contatto con le autorità governative e sanitarie qualora qualcuno all’interno dell’hotel presentasse sintomi riconducibili all’infezione da Covid-19, aiutando anche il soggetto in questione a trovare assistenza medica immediata.

E voi avete già pensato a come mettere in sicurezza il vostro Hotel? Sonders Hotels può aiutarvi grazie al suo protocollo “Ospitalità Sicura

Per saperne di più:

L’hotel nel ‘new normal’: quando la sanificazione è il servizio più richiesto

Maggio 11th, 2020 Posted by Comunicati Stampa No Comment yet

Con il Covid-19 inizia una nuova era. C’è un ‘prima’ ed un ‘dopo’ pandemia, sebbene in realtà questa dicotomia non appaia realistica, se è vero che dovremo imparare a conviverci e che i prossimi possibili conflitti mondiali si combatteranno a suon di virus o di batteri.

Tuttavia, lo stile di vita di ognuno ha subito privazioni, cambi repentini, sterzate improvvise, reclusioni inaspettate ed involontarie. Il virus ci ha costretti a guardarci da lontano, a temere il contatto, ad immaginarci in un mondo di cui non si sa nulla e nel quale stiamo cercando di darci regole per accettare l’intruso, contenendone i danni.

Le attività che vivono di socialità, come avviene nell’industria turistica, sono state depauperate della loro materia prima, l’ospite, che in un lockdown durato circa tre mesi, ha smesso di essere tale.

Però, nella Fase 2, inizia la ripresa. Le aziende provano a rimettersi in moto ed anche gli ospiti ritorneranno un po’ per volta. Sì, perché la paura del contagio sta forgiando le nostre vite, lasciando un segno indelebile. In particolare, hotel e ristoranti sono chiamati a prendere misure mai adottate prima per contenere il rischio di diffusione del virus. Ed è così, che si inizia a parlare di sanificazione, decontaminazione, protocolli e certificazioni. Gli albergatori, sebbene non sappiano ancora se decideranno di aprire per la stagione estiva, stanno prendendo provvedimenti su quali protocolli di sanificazione adottare e su come mantenere le proprie quote di mercato comunicando il loro impegno nella tutela della salute di staff e clienti.

Da oggi, non potremo più immaginare un hotel che non adotti un protocollo di sanificazione, che non abbia paratie in plexiglass, che non metta a disposizione mascherine, guanti e disinfettanti per le mani. Ci si aspettano colazioni in camera, interventi dell’ospite nella disinfezione della propria camera, buffet contingentati e quant’altro. Purtroppo, però c’è ancora molta confusione nella testa degli albergatori, presi di mira da migliaia di offerte di sanificazione, molte proposte da aziende non preparate.

Ecco alcuni criteri del programma ‘Ospitalità Sicura di Sonders Hotels:

  • Preferite protocolli validati da parte terza, per avere la necessaria garanzia di buone e corrette pratiche. Un protocollo validato non si modifica, è testabile dal cliente che ne può chiedere visione;
  • Ancor meglio, utilizzate il protocollo validato per comunicare con i vostri clienti attuali o potenziali. Inserite un collegamento ipertestuale al suo contenuto in ogni operazione di comunicazione o di marketing;
  • Ponete attenzione ai prodotti che scegliete, alle procedure da attuare: oggi si parla molto di ozono, tuttavia non esistono evidenze scientifiche che il COVID-19 ne venga neutralizzato. A seguito del suo utilizzo, i locali non possono essere frequentati per alcune ore, perché l’ozono è tossico ed è indispensabile rigenerare l’ossigeno prima di entrarvi. Evidenze invece ci sono con l’adozione di ipoclorito di sodio, la comune varichina, con concentrazione allo 0,1%;
  • È possibile atomizzare a secco l’ipoclorito di sodio, per sanificare aria, arredi e superfici.
  • La sanificazione delle superfici richiede anche ‘olio di gomito’: lo strofinamento delle superfici con panni monouso sono essenziali;
  • Adottate un protocollo che abbia un valore aggiunto, che premi il vostro lavoro con una certificazione di qualità soggetta ad audit e rinnovabile annualmente;
  • Scegliete offerte scalari, che partano da soluzioni basiche (sanificazione camera solo alla partenza dell’ospite, ad esempio) a quelle avanzate (sanificazione giornaliera), in modo da adottare le pratiche che riteniate piò opportune per i vostri ospiti;
  • Formate lo staff, non solo in merito alle procedure da seguire (cosa fare al check in, al check out, in caso di Covid-19, in assenza di Covid…), ma anche sulla tutela della loro propria salute;
  • Gestite i rifiuti in maniera sostenibile: avremo una crescita esponenziale di plastica e di rifiuti speciali.

Sonders Hotels accoglie e realizza questi consigli, con il protocollo ‘Ospitalità Sicura’, unico per completezza d’offerta, con le sue proposte ‘sanificazione chiavi in mano’ che solleva l’albergatore da ogni incombenza.

La sanificazione sarà il servizio più richiesto in hotel e sul quale l’ospite non potrà transigere.  Non servizio accessorio, non servizio ancillare, bensì discriminante nelle scelte di un mercato sempre più attento al benessere ed alla salute. Non temiamo di trasformare l’albergo in ospedale: la differenza la farà sempre il calore della vostra ospitalità e l’accoglienza del vostro territorio.

Quiiky Travel, novità Gift for Future

Aprile 24th, 2020 Posted by Rassegna Stampa No Comment yet

ADV TRAINING – Sarà operativa subito e valida per tutto il 2020 la Gift for Future di Quiiky Travel da utilizzare entro il 31 dicembre 2021. Si tratta di una card che anticipa la volontà di tornare a viaggiare il prima possibile e sostenere in questo momento il più attivo tour operator LGBTQ+ in Italia.

Acquistando la Gift for Future si entra in un database unico, diventando Superainbow Client. Sarà possibile, anche attraverso le agenzie di viaggio, proporre, ove potranno, la gift card, dando la possibilità di curare con maggiore attenzione questo target. I clienti Superainbow cui è intestata la card Gift for Future di Quiiky Travel avranno in omaggio l’ultimo numero della rivista Qmagazine, un trattamento riservato per le offerte future, e per le iniziative e le esperienze che proporrà il tour operator molto attivo negli impegni per la community a livello sociale.

SCOPRI DI PIÙ

NASCE LA CARD GIFT FOR FUTURE DI QUIIKY TRAVEL

Aprile 24th, 2020 Posted by Rassegna Stampa No Comment yet

CONSIGLI DI VIAGGIO – Il rilancio post Covid-19 del tour operator LGBTQ+ parte con il sostegno della community attraverso un programma di fidelizzazione il “Superainbow”

Sarà operativa subito e valida per tutto il 2020 la Gift for Future di Quiiky Travel da utilizzare entro il 31 dicembre 2021. Si tratta di una card che anticipa la volontà di tornare a viaggiare il prima possibile e sostenere in questo momento il più attivo tour operator LGBTQ+ in Italia.

SCOPRI DI PIÙ

Nasce la card Gift for Future di Quiiky Travel

Aprile 24th, 2020 Posted by Comunicati Stampa No Comment yet

 Milano, 22 aprile 2020

 

Il rilancio post Covid-19 del tour operator LGBTQ+ parte con il sostegno della community attraverso un programma di fidelizzazione il “Superainbow”

Sarà operativa subito e valida per tutto il 2020 la Gift for Future di Quiiky Travel da utilizzare entro il 31 dicembre 2021. Si tratta di una card che anticipa la volontà di tornare a viaggiare il prima possibile e sostenere in questo momento il più attivo tour operator LGBTQ+ in Italia.

Acquistando la Gift for Future si entra in un database unico, diventando Superainbow Client. Sarà possibile, anche attraverso le agenzie di viaggio, proporre, ove potranno, la gift card, dando loro così la possibilità di curare con maggiore attenzione questo target. I clienti Superainbow cui è intestata la card Gift for Future di Quiiky Travel avranno in omaggio l’ultimo numero della rivista Qmagazine, un trattamento riservato per le offerte future, le iniziative e le esperienze che proporrà il tour operator molto attivo negli impegni per la community a livello sociale (Pride, eventi, pubblicazioni).

Si tratta di una lista esclusiva, dedicata a chi ci sostiene, sostenendo anche sé stesso e la community, in questo difficile momento” afferma Giovanna Ceccherini, sales manager di Quiiky.

“E’ un modello che ha iniziato ad essere applicato a livello internazionale per avere dalla community LGBTQ+ un’iniezione straordinaria di fiducia e ci consentirà di contribuire alla programmazione anticipata, ma soprattutto di creare una lista di clienti fidelizzati ricordandoci coloro che sono vicini al turismo LGBTQ+ in questo momento” spiega la manager.

La Gift for Future può essere anche di una piccola cifra (si parte da 50 euro) ma il viaggio, da cui sarà poi scalato l’importo anticipato nella card, è programmabile subito. Questo consente all’operatore turistico di lavorare con particolare cura e coinvolgere in questo progetto tutti gli attori della filiera nella pianificazione, ridando anche a loro la possibilità di operare delle scelte e programmare modalità di riapertura, trasporti, servizi.

“Quiiky Travel – conclude Giovanna Ceccherini – ha una storia di più di dieci anni di lavoro in Italia per inventare il mercato turistico LGTBQ+. In un mondo che stentava a capire quale fosse la diversità di questo target abbiamo fatto comprendere la necessità di non voler essere trattati in modo diverso, abbiamo creato dal nulla un’offerta per una domanda che era nascosta e aveva bisogno soprattutto di certezze, abbiamo generato una nuova comprensione attraverso la formazione continua di istituzioni, ricettività, operatori, agenzie di viaggio. Oggi abbiamo bisogno della comunità su cui si fonda il nostro lavoro”.

 

Per saperne di più

https://www.quiiky.com/tour/gift-card-for-future/

Responsabile Comunicazione & PR

Letizia Strambi

0039 3339579055

info@letiziastrambi.com

Il protocollo di Sonders Hotel per la sanificazione degli alberghi

Aprile 16th, 2020 Posted by Rassegna Stampa No Comment yet

QUALITY TRAVELSonders Hotels, brand unit dedicata alla gestione alberghiera e al facilities management del gruppo turistico internazionale Sonders&Beach, lancia un Protocollo di Best Practice per la Sanificazione degli alberghi, denominato “Ospitalità Sicura”. È il risultato di ricerche a analisi avviate da marzo scorso in linea con le attuali normative italiane, internazionali e con le recenti linee guida dell’OMS per la gestione del Covid-19 nelle strutture alberghiere.
Un modello perfezionato che potrà essere di esempio e supportare l’organizzazione dell’accoglienza per il mercato turistico alberghiero post emergenza Covid-19.

SCOPRI DI PIÙ

Alberghi nel post Covid: istruzioni per riaprire da Sonders Hotels

Aprile 16th, 2020 Posted by Rassegna Stampa No Comment yet

L’AGENZIA DI VIAGGI – Ripartire ai tempi del coronavirus è sempre di più un’incognita e anche nel settore alberghiero i dubbi e le domande si rincorrono. Per riaprire le strutture in sicurezza e soprattutto rispettando le ultime norme vigenti, Sonders Hotels ha lanciato Ospitalità Sicura, un protocollo di Best Practice per la sanificazione degli alberghi.

Un piccolo vademecum illustrato con indicati pochi ma utili accorgimenti che gli alberghi possono da subito attuare.

Nello specifico, ci sono le azioni da intraprendere per riaprire le strutture che vanno dalla sanificazione della camera alla collocazione nelle aree comuni di dispenser di mascherine e gel disinfettante per le mani.

SCOPRI DI PIÙ